giovedì 24 ottobre 2013

Inauguro con...

Oggi è il giorno giusto per inaugurare il blog.

Ecco cosa ho preparato nel frattempo.

Per questo disegno mi ha ispirata la storia di Jane Austen. Ho visto solo il film dove Anne Hathaway interpreta Jane (a parte che per me lei è bravissima) e ho letto qualche stralcio su di lei e della sua vita all'interno dei suoi libri: beh, mi è piaciuta molto ed ho voluto dedicarle un disegno. Non ho ancora letto gli scritti della Austen... Anche se non sono il mio genere, qualche sfogliatina ci può stare; forse saranno belli, oppure no, ma sono curiosa di come scrive.

L'inverno è arrivato, le nebbie scendono e tutto si sta colorando...

Dal verde all'arancione e al giallo, dall'azzurro al grigio... Tutto si sta trasformando e in tanti rientrano nelle proprie tane, nelle proprie dimore, e cominciano a gustarsi ciò che hanno Raccolto.
Ecco un posto solitario, laggiù; da lì si intravede tanti tipi di marrone, ecco le venature, racchiuse in un solo pezzo. Osservate e sbirciate quei cespugli che, anche se sono alti e ancora un po' verdi, fanno da appiglio a un cielo vasto e quasi dormiente.
Solitaria è la seduta, e solitaria è la lettura.

"Scusatemi, devo scrivere."
E allontanandosi, tirò fuori il suo taccuino dalla tasca della vestaglia, e con una matita in mano, catturò quel momento per ricordarselo. Ecco che Milady, sconcertata dal suo gesto, attese con un lungo sospiro rabbioso, il suo volto da roseo diventò pallido, era pervasa dall'ira, il corpo si irrigidì e dovette per forza aspettare che la fanciulla, allontanatasi dalla presenza di madame, posasse quel taccuino per far visita proprio a ella.

"È maleducato far attendere le persone, anche se arrivano senza avvisare" pensò Milady ad alta voce, ma la fanciulla se ne infischiò altamente, guardandola con superiorità, dall'alto, anche se era di statura più bassa.




Nessun commento:

Posta un commento